BT Arise II - шаблон joomla Продвижение

Newsletter

Inserisci la tua email per rimanere aggiornato sul mondo A&A
captcha 

Conosciamo la rete dei tecnici A&A

Lunedì, 02 Novembre 2015 11:34
Pubblicato in I NOSTRI PUNTI DI FORZA

Abbiamo intervistato uno dei primi CAT – Centro Assistenza Tecnica – che collabora con A&A. All’inizio la rete era formata da poche aziende specializzate in diversi settori, dall’elettronica, all’impiantistica e all’IT, limitatamente alla zona di Milano e Varese.



Fabrizio Vichi si occupa nella provincia di Lodi e nell’area sud di Milano, di impianti di sicurezza, impianti elettrici, installazione di antenne e riparazioni di tv, occupandosi di assistenza per alcuni marchi in garanzia, nel suo laboratorio specializzato. <A&A conta più di 120 aziende; gli incontri a cui partecipiamo sono ben diversi da quelli del primo anno, siamo molto più numerosi! Ogni volta che si è presentata una problematica questa è stata evidenziata e risolta, e di conseguenza anche il processo ha subito dei cambiamenti ed è stato migliorato. La nostra verifica tecnica durante il sopralluogo è specifica a seconda del bene in questione, e questa verifica è molto diversa da come veniva eseguita tradizionalmente: ad esempio nel caso di un motore prima si testava solo l’avvolgimento, adesso invece vengono eseguiti dei test per verificare la dispersione, e i risultati ci fanno capire se il danno è stato causato da usura o da sovratensione.>>

E da queste informazioni si capisce se può operare la garanzia assicurativa e indicare il soggetto che dovrà prendersi carico dei costi della riparazione.

<A&A indicando tutte le informazioni raccolte durante la verifica presso l’assicurato, e diamo le nostre conclusioni. In questi anni ho fatto migliaia di sopralluoghi e purtroppo ho assistito molte volte a delle situazioni dove il danneggiato intenzionalmente cercava di speculare sul danno, delle vere e proprie truffe ai danni dell’assicurazione. In altri casi invece il danneggiato denuncia il sinistro non sapendo se possa essere stato causato da una sovratensione e accetta qualsiasi “verdetto”; altre volte invece la causa è così evidente da non lasciare dubbi sull’autenticità del fenomeno e la buona fede dell’assicurato.

Il periodo che va da giugno a settembre è quello più impegnativo e da quando collaboro con A&A ho ridotto le vacanze estive, da tre a solo due settimane ad agosto. In compenso recupero nella stagione sciistica!>>.

Letto 925 volte Ultima modifica il Mercoledì, 08 Giugno 2016 16:28

Lascia un commento